Angelo Pintus Destinati all'Estinzione

venerdì 14 dicembre 2018 - ore 21:00

Amici miei, che ci piaccia o no, siamo “DESTINATI ALL’ESTINZIONE”.

Prezzi

  • Poltronissima 39.00€

  • Poltrona Platea 31.00€

  • Prima Galleria 31.00€

  • Seconda Galleria 24.00€

×

TUTTO ESAURITO

C’è chi parla con il cane e lo fa mentre lo veste, c’è chi guida mentre manda messaggi con il cellulare e c’è chi vuole fare la rivoluzione ma la fa solo su Facebook, c’è chi parcheggia la macchina nel posto riservato ai disabili
“tanto sono solo 5 minuti”.
C’è chi festeggia il complemese, chi dice ciaone e chi fa l’Apericena.
Ma soprattutto c’è chi crede che la terra sia piatta e probabilmente si è anche convinto che la colpa sia di Silvio.
Sono questi i piccoli segnali che fanno presagire un ritorno... quello dei Dinosauri.
Amici miei, che ci piaccia o no, siamo
“DESTINATI ALL’ESTINZIONE”.

3 repliche

Altri spettacoli che potrebbero piacerti

Pino Campagna

Io... Super Terrone

Torna a teatro il comico di Zelig Pino Campagna - celebre per il suo tormentone "Ci sei, ce la fai, sei connesso?" - con uno spettacolo all’insegna del divertimento dal titolo ”Io… Super Terrone. Con il

Antonio Ornano

Supercapodanno con Ornano

Un racconto di vita profondamente segnato da figure evocate in scena – esperti di animali, registi bipolari, life coach, muratori di Renzo Piano - ma soprattutto da una figura femminile vincente e prevaricatrice, la mia

ULTIMI POSTI

Andrea Pucci

In...tolleranza 2.0

“IN…TOLLERANZA 2.ZERO” è la ripresa dello spettacolo “In…Tolleranza Zero” rivisto e corretto sempre in “EVOLUZIONE” attento all’attualità della vita di ognuno di noi, in cui PUCCI, sostenuto musicalmente dalla brillante Zurawski live Band, rende esilarante

Natalino Balasso

Stand Up Balasso

Sulla scena solo un microfono vintage, ancora con il filo, la luce fissa di un occhio di bue e lui, il comico, in piedi, altrimenti non sarebbe uno “stand up”. Non c’è nessun filo conduttore,

Giuseppe Giacobazzi

Noi. Mille volti e una bugia.

Andrea Sasdelli alias Giuseppe Giacobazzi, ovvero l’uomo e la sua maschera. Un dialogo, interiore ed esilarante, di 25 anni passati insieme. 25 anni fatti di avventure ed aneddoti, situazioni ed equivoci, gioie e malinconie,