Andrea Pucci In...tolleranza 2.0

venerdì 15 febbraio 2019 - ore 21:00

Andrea Pucci sfonda le assurde porte che bisogna superare ogni giorno per tornare a casa sani e salvi a colpi di una “in…tolleranza” dalla comicità energica e devastante.

Prezzi

  • Poltronissima 39.00€

  • Poltrona Platea 33.00€

  • Prima Galleria 33.00€

  • Seconda Galleria 24.00€

×

Restano pochissimi posti per questo spettacolo

“IN…TOLLERANZA 2.ZERO” è la ripresa dello spettacolo “In…Tolleranza Zero” rivisto e corretto sempre in “EVOLUZIONE” attento all’attualità della vita di ognuno di noi, in cui PUCCI, sostenuto musicalmente dalla brillante Zurawski live Band, rende esilarante la fatica del vivere a 50 anni.
L’interagire con nuove e incomprensibili mode, nuove tecnologie, l’educazione dei figli e le loro devastanti e dispendiose attività extrascolastiche, rende tutti INTOLLERANTI.
Pucci appesantito dagli acciacchi del mezzo secolo sarà costretto a rivoluzionare la sua vita con esami clinici, esercizi fisici e ad un nuovo tipo di alimentazione per rimanere in forma e vitale. Racconterà l’affrontare un mondo dove sono diventati indispensabili strumenti che fino a poco tempo fa erano inutili e ridicoli.

L’attore comico italiano con i ritmi più incalzanti e l’energia a “ciclo continuo” , evita la satira politica preferendo quella di costume.
La quotidianità è l’argomento centrale : “IN…TOLLERANZA 2.ZERO”.
Andrea Pucci sfonda le assurde porte che bisogna superare ogni giorno per tornare a casa sani e salvi a colpi di una “in…tolleranza” dalla comicità energica e devastante.

Andrea Baccan (in arte Pucci) è nato a Milano il 23/08/1965 dove a tutto oggi vive.
Pucci è un cabarettista, monologhista attento osservatore della quotidianità, ama dialogare e scontrarsi con il pubblico improvvisando situazioni grottesche. In origine Andrea Baccan svolgeva la professione di gioielliere a Milano. Partecipò poi come concorrente barzellettiere nella trasmissione La sai l'ultima? (stagione 1993-94). Da lì è partita la sua gavetta; PUCCI si esibisce con monologhi e satira su sfondo di costume (non ama quella a sfondo politico) e società moderna, coinvolgendo il pubblico, datosi che le storie si basano sull'interpretazione in chiave comica di verità attuali e quindi che potrebbero anche essere vissute dal pubblico nella quotidianità. Spesso rievoca grotteschi episodi dell'adolescenza, sia quella vissuta da lui che quella in genere. In televisione è su Mediaset, soprattutto nel programma di cabaret Colorado, dove riscuote grande successo con i suoi monologhi e il tormentone «È cambiato...tutto!», in cui ironizza su quelli che possono essere i problemi di coppia e parla di situazioni bizzarre e assurde in cui lui si sarebbe trovato quasi esclusivamente a causa di sua moglie.

2 repliche

Altri spettacoli che potrebbero piacerti

Pino Campagna

Io... Super Terrone

Torna a teatro il comico di Zelig Pino Campagna - celebre per il suo tormentone "Ci sei, ce la fai, sei connesso?" - con uno spettacolo all’insegna del divertimento dal titolo ”Io… Super Terrone. Con il

SOLD OUT

Angelo Pintus

Destinati all'Estinzione

C’è chi parla con il cane e lo fa mentre lo veste, c’è chi guida mentre manda messaggi con il cellulare e c’è chi vuole fare la rivoluzione ma la fa solo su Facebook, c’è

Antonio Ornano

Supercapodanno con Ornano

Un racconto di vita profondamente segnato da figure evocate in scena – esperti di animali, registi bipolari, life coach, muratori di Renzo Piano - ma soprattutto da una figura femminile vincente e prevaricatrice, la mia

Rocco Siffredi

L'ultimo samurai

Come si riesce da una dipendenza a costruire un impero? Come si fa ad avere un’educazione con valori molto tradizionali e a 18 anni partire da un piccolo paese per andare a Parigi a fare lo

Natalino Balasso

Stand Up Balasso

Sulla scena solo un microfono vintage, ancora con il filo, la luce fissa di un occhio di bue e lui, il comico, in piedi, altrimenti non sarebbe uno “stand up”. Non c’è nessun filo conduttore,

Giuseppe Giacobazzi

Noi. Mille volti e una bugia.

Andrea Sasdelli alias Giuseppe Giacobazzi, ovvero l’uomo e la sua maschera. Un dialogo, interiore ed esilarante, di 25 anni passati insieme. 25 anni fatti di avventure ed aneddoti, situazioni ed equivoci, gioie e malinconie,