Drusilla Foer – Venere Nemica

Sabato 5 Ottobre 2024 ORE 21

Venere, Dea della bellezza e dell’amore esiste ancora


Attenzione

Produzione: Best SoundAutore: Drusilla Foer
Regia: Dimitri MilopulosDurata: 90 minuti

Venere, la dea immortale, quindi tutt’ora esistente, vive lontano dall’Olimpo e dai suoi odiati parenti. Dopo aver girovagato per secoli, abita attualmente a Parigi fra i mortali. Non essendo gli Dei più creduti, la dea della bellezza e dell’amore finalmente può permettersi di vivere nell’imperfezione dell’umano esistere.

“Immaginate la mia gioia! Una dea condannata a vivere nell’eterna umidità del mare, scoprire l’esistenza della messainpiega”. Ricordando in un flashback comico e tragico, la vicenda di Amore, il figlio ingrato e disobbediente, e Psiche, sulla quale proietta – da suocera nemica – tutto il suo rancore di Dea frustrata e insoddisfatta, Venere si vendica “sulla straordinaria mortale, creduta venere in terra”.

Deus ex-machina crudele e spietata, Venere ricorda l’unica occasione in cui ha provato un sentimento di amore curando il figlio che fuggito dall’amata Psiche, torna da sua madre, dea e padrona, per farsi lenire le ferite di un amore ingannato.

Biglietti

Poltronissima€46,00
Poltrone€39,00
Prima Galleria€39,00
Seconda Galleria€29,00






Prossimi spettacoli


18 aprile 2024

I Legnanesi – 7°…Non Rubare

I Legnanesi alle prese con un comandamento quanto mai attuale, insieme ai sontuosi, coloratissimi e coinvolgenti quadri della Rivista all’Italiana

19 aprile 2024

I Legnanesi – 7°…Non Rubare

I Legnanesi alle prese con un comandamento quanto mai attuale, insieme ai sontuosi, coloratissimi e coinvolgenti quadri della Rivista all’Italiana

20 aprile 2024

I Legnanesi – 7°…Non Rubare

I Legnanesi alle prese con un comandamento quanto mai attuale, insieme ai sontuosi, coloratissimi e coinvolgenti quadri della Rivista all’Italiana

21 aprile 2024

I Legnanesi – 7°…Non Rubare

I Legnanesi alle prese con un comandamento quanto mai attuale, insieme ai sontuosi, coloratissimi e coinvolgenti quadri della Rivista all’Italiana