Paolo Crepet – Prendetevi la Luna

Giovedì 21 marzo 2024 ORE 21

C’è sete e fame di parole, di pensiero


Attenzione

A Causa di sopraggiunti impegni personali, lo spettacolo di Paolo Crepet “Prendetevi la Luna”, previsto per giovedì 21 marzo 2024 alle 21 è spostato a domenica 24 marzo 2024 alle 17. I biglietti già venduti sono validi per la nuova data. Per eventuali rimborsi rivolgersi dove si è acquistato il biglietto entro e non oltre sabato 24 febbraio 2024.

Produzione:Autore:
Regia:Durata: 90 minuti

Incontro tanta gente, mi chiedo che cosa possono volere da me. Certamente una guida, una speranza, forse perfino una luce che accende i cuori di giovani e meno giovani. C’è sete e fame di parole, di pensiero. Cercano un’eresia in un mondo codificato.

Non posso che dire loro ciò che mi sono ripetuto per anni lungo il corso della mia vita: “prendetevi la luna”. Siate ambiziosi, cercate la vostra unicità. Bisogna avere la fronte alta e continuare a sognare. Il pericolo è nella bonaccia delle emozioni, nella rassegnazione, è in chi semina accidia e smarrimento come se fosse la regola del più aggiornato marketing dell’esistenza.

Opporsi a tutto questo è il mio desiderio, la mia missione, la ragione per cui continuo a peregrinare nelle piazze e nei teatri. Cerco libertà, passione, coraggio. Il resto è noia.







Prossimi spettacoli


18 aprile 2024

I Legnanesi – 7°…Non Rubare

I Legnanesi alle prese con un comandamento quanto mai attuale, insieme ai sontuosi, coloratissimi e coinvolgenti quadri della Rivista all’Italiana

19 aprile 2024

I Legnanesi – 7°…Non Rubare

I Legnanesi alle prese con un comandamento quanto mai attuale, insieme ai sontuosi, coloratissimi e coinvolgenti quadri della Rivista all’Italiana

20 aprile 2024

I Legnanesi – 7°…Non Rubare

I Legnanesi alle prese con un comandamento quanto mai attuale, insieme ai sontuosi, coloratissimi e coinvolgenti quadri della Rivista all’Italiana

21 aprile 2024

I Legnanesi – 7°…Non Rubare

I Legnanesi alle prese con un comandamento quanto mai attuale, insieme ai sontuosi, coloratissimi e coinvolgenti quadri della Rivista all’Italiana